La fisica di tutti i giorni

Stampa

Luglio 2019 - ANCHE I GATTI CONOSCONO LA FISICA

Gli amanti dei gatti hanno certamente sperimentato la sensazione che si prova a essere leccati dal loro animale. La lingua di queste simpatiche bestiole – e, più in generale, quella di tutti i felini – presenta, infatti, una caratteristica consistenza ruvida. Questa peculiarità è stata recentemente sottoposta a un serio studio, per cercare di capire la fisica che si cela dietro il meccanismo del grooming – la toelettatura – dei gatti.

Se osservata da vicino, la superficie linguale dei gatti risulta completamente ricoperta da minuscole protuberanze coniche, simili a spine acuminate, dette papille. Per scoprire il ruolo giocato dalle papille, un gruppo di ricercatori del Georgia Institute of Technology di Atlanta (USA) ha scansionato con la tecnica della Tomografia Computerizzata (TC) la lingua di sei specie feline: gatto domestico, gatto selvatico, puma, leopardo delle nevi, tigre e leone.

La TC ha evidenziato come le papille non siano esattamente dei coni rigidi, ma piuttosto delle palette ricurve, sdraiate all’indietro, con la parte concava rivolta verso la superficie della lingua. Una serie di capillari contribuisce, costantemente, a riempire di saliva ogni singola papilla. Durante l’operazione di pulitura del pelo, una contrazione del muscolo della lingua fa drizzare le papille e fa sì che la saliva in esse contenuta si riversi sul pelo. Dei video ad alta velocità hanno rivelato che, a ogni leccata, un gatto può depositare sulla pelliccia quasi la metà della saliva presente sulla lingua. È stato inoltre osservato che la lunghezza delle papille è tale da penetrare la pelliccia in profondità, fino alla pelle, contribuendo al raffreddamento corporeo, che solo in parte avviene grazie alla sudorazione (i gatti possiedono ghiandole sudoripare solo sulle loro zampe).

In futuro, il meccanismo del grooming felino potrebbe risultare utile anche a noi umani. Uno strumento simile alla lingua dei gatti – già in corso di sperimentazione – potrebbe essere usato per applicare fluidi o medicine su pelli particolarmente villose.