Array
 

La fisica di tutti i giorni

Attenzione: apre in una nuova finestra. | Stampa |

Agosto 2019 - UN ORIGAMI PER SONDARE IL CORPO UMANO

L’origami, l’antica arte giapponese di modellare forme tridimensionali polimorfe con la carta, ormai da decenni è approdata anche in Occidente, molto utilizzata per scopi ludici e decorativi. Da sempre, tra gli appassionati del genere è in atto una specie di gara, consistente nel realizzare origami molto elaborati e di dimensioni via via più ridotte.

Il record del più piccolo origami mai realizzato risale al 1989. Un esperto giapponese realizzò una gru – animale estremamente importante nella cultura nipponica – delle dimensioni di una capocchia di spillo; sbirciando attraverso un microscopio, usò un ago da cucito per piegare accuratamente la carta. Ora, a trent’anni di distanza, un nuovo record è stato registrato, questa volta in un ambito davvero impensato: quello della fisica. I ricercatori della Cornell University di Ithaca, nello Stato di New York, hanno infatti creato un origami delle dimensioni di un globulo rosso. Troppo piccolo per essere piegato da mani umane, questo micro origami – o micro-gami, com’è stato subito battezzato – è in grado di piegarsi da sé ed è fatto non di carta, bensì di lastre di grafene e silice dello spessore complessivo di pochi atomi.

Questi due composti, disposti in sottilissimi strati alternati, agiscono in modo diverso qualora sottoposti all’azione di sostanze acide: il grafene, abbastanza rigido, resta appiattito sulla lastra, la silice invece tende a sollevarsi. Operando preliminarmente opportuni tagli sullo strato di silice, e sottoponendo la lastra all’azione di un acido, il risultato è la formazione di un micro-gami.

Allo stato attuale della ricerca, il micro-gami è in grado di assumere delle forme rudimentali – cubi e piramidi – che non hanno certamente la grazia e la raffinatezza di una gru. Tuttavia, la creazione di queste strutture auto-pieganti, sufficientemente piccole da poter scorrere nel flusso sanguigno, è il punto di partenza con cui la scienza spera di poter iniettare dei robot-sonda all’interno del corpo umano.